Gruppi Antincendio

I gruppi antincendio

I gruppi antincendio trattati da Elettromeccanica Ceccaroli e forniti e manutenuti a tutti i clienti di Rimini, Riccione, Cattolica e zone limitrofe sono specifici per la norma UNI EN 12845 e UNI 10779. Questa normativa prevede 4 diverse classi di pericolo che vengono riepilogate di seguito:

  • LH (Light Hazard ) = pericolo lieve
  • OH (Ordinary Hazard) = pericolo ordinario
  • HHP (High Hazard – Process) = processo a pericolo alto
  • HHS (High Hazard – Storage) = deposito a pericolo alto

La normativa prevede che la pompa deve avere una curva stabile H(Q), cioè una curva in cui la prevalenza massima e la prevalenza a mandata chiusa sono coincidenti e la prevalenza totale diminuisce in maniera continua con l’aumento della portata e devono essere approvate da un ente terzo. Tali gruppi antincendio devono essere installati in locali dove la resistenza al fuoco supera i 60 minuti e che vengono utilizzati esclusivamente per la protezione antincendio ad esempio(ordine di preferenza): 1. Un edificio separato. 2. Un edificio adiacente ad un edificio protetto da gruppi antincendio(sprinkler) con accesso dall’esterno. 3. Un locale dentro un edificio protetto da gruppi antincendio (sprinkler) con accesso diretto dall’esterno. I Gruppi Antincendio sono calibrati per Hotel di Riccione e Rimini, o strutture alberghiere e turistiche in genere, ma possono essere estesi a tutti i nostri clienti o altre attività e categorie.

COME FUNZIONA UN IMPIANTO ANTINCENDIO?

Lo scopo di un impianto antincendio è quello di spegnere l’incendio stesso se è in fase inziale oppure contenere il suo propagarsi per poi spegnerlo con altri mezzi. L’impianto è strutturato in modo che solo le singole testine ove la temperatura sia troppo elevata vengano messe in funzione ed è fondamentale che l’impianto sia sempre in perfetta funzione in ogni sua parte. Grazie ai nostri piani di manutenzione Elettromeccanica Ceccaroli garantisce assistenza continua e programmata in regola con le normative espresse nlla UNI EN 1284.

COME FUNZIONANO LE POMPE?

Una pompa di mantenimento pressione viene installata per evitare che una o più pompe di avviamento si avviino inavvertitamente o per mantenere l’impianto in pressione sino alle stazioni di controllo nel caso in cui l’alimentazione idrica abbia cali o aumenti di pressione. Le pompe che vengono installate devono garantire il coretto funzionamento di tutti gli ugelli(sprinkler) contemporaneamente e non compromettere il corretto azionamento della pompa principale.

Il motore diesel installato deve funzionare anche a pieno carico con una potenza nominale continua secondo le norme vigenti e deve far funzionare la pompa entro 15 secondi dall’inizio del loro azionamento e deve essere operativo fino ad una temperatura di circa 5 gradi con un tubo di scarico che deve essere dotato di silenziatore.

MANUTENZIONE

L’operatore addetto deve supportare il cliente tramite una documentazione che rispecchia le corretta procedura di ispezione e controllo dell’impianto stesso. Deve anche formarlo sui guasti e le corrette procedure da attuare dando particolare attenzione sulla spiegazione della procedura manuale di attivazione dell’impianto. Il cliente ha come buona norma quello di controllare in maniera settimanale e mensile il corretto funzionamento dell’impianto mentre il compito dell’installatore e quello di visionare a cadenze programmate l’impianto.

Viale del Commercio, 8, Riccione
0541-605848
info@elettromeccanicaceccaroli.com